Massaggio erotico

massaggio-erotico-racconti

Un massaggio erotico per mia moglie a sorpresa

Mi considero un uomo fortunato.
Ho da poco festeggiato i 43 anni ma sono più in forma che mai grazie alla mia passione per lo sport che pratico da sempre e a una vita sana.
Ho la possibilità di fare un lavoro che mi piace e che mi permette di vivere una esistenza priva di particolari problemi.
A questa invidiabile posizione, ho la fortuna di aggiungere Laura: una moglie perfetta con la quale condivido da vent’anni la mia vita.

Il nostro rapporto, oltre ad essere basato su una reciproca fiducia, fa perno su di una assoluta complicità che si manifesta in ogni momento dove questa sia richiesta.
Per il sesso la nostra è sempre stata una storia ampiamente condivisa e confesso che mia moglie riesce a stupirmi sempre con nuove fantasie stimolanti che rinnovano il nostro menage.

Quello che a me piace fare spesso è il guardare video hard che suscitano un desiderio che riesco a placare solamente tirandomi una bella sega. In effetti è come tornare indietro nel tempo come quando avevo 12 o 13 anni e mi masturbavo in continuazione.
Anche nel mio presente, questa è una cosa che continuo a fare con grande soddisfazione anche perché è il mio piccolo segreto che ho mantenuto tale anche con Laura.

Ultimamente mi capita di visualizzare al posto delle pornoattrici che vedo nei video, la figura di mia moglie e questa cosa mi eccita ancor di più.
Ed è per questa ragione che ho iniziato a domandarmi cosa proverei laddove materializzassi questo mio desiderio. Sarei geloso? Oppure mi piacerebbe masturbarmi mentre un altro uomo si scopa mia moglie?

I giorni passavano come sempre ma quel tarlo continuava ad essere presente dentro la mia mente martellandomi le tempie.
Presi la decisione di togliermi questa curiosità e mi misi a progettare come avrei potuto rendere possibile la realizzazione di questa cosa all’insaputa di Laura.

Fu internet a venirmi incontro come sempre.
Spulciando siti di incontri, trovai tra i tanti, un annuncio che pareva fatto proprio per le mie esigenze e recitava: ‘vuoi vedere tua moglie come gode tra le braccia di un bel ragazzo super dotato ed instancabile? Venticinquenne pulito e di classe è disponibile a piacevoli incontri anche all’insaputa della tua signora’.
Il testo era accompagnato da una gallery alquanto esplicativa che non lasciava dubbi sia sulla presenza di Marco (questo il suo nome) che sulle ragguardevoli dimensioni del suo uccello che aveva immortalato nel pieno di una poderosa erezione.
Non ebbi incertezze e, attraverso un sistema di messaggeria interna, mi misi in contatto immediatamente spiegando cosa stavo cercando e fornendolo di un indirizzo mail per i necessari scambi preliminari.

Lo incontrai in un locale del centro durante la pausa pranzo. Avevo memorizzato nello smartphone alcune foto di Laura dove si poteva ammirare il suo corpo sinuoso ed invitante, proprio per mostrare a Marco che il suo non sarebbe stato affatto un sacrificio, tutt’altro.
Infatti, davanti ad un aperitivo, il ragazzo convenne con me che mia moglie era davvero un bocconcino delizioso e che, non essendo nuovo ad esperienze di questo genere, si sbrigò a darmi dei suggerimenti.

Mi disse che per farlo accettare da Laura, avrei dovuto fingere di aver conosciuto un bravo massaggiatore che poteva praticare delle sedute di massaggi sensuali e tantrici anche presso il nostro domicilio e che, curioso di vedere di cosa si trattava, lo avevo convocato per il pomeriggio del sabato.
Marco confermò che le mogli che aveva ‘trattato’, inizialmente avevano accettato obtorto collo giusto per non fare uno sgarbo al proprio marito ma che poi si erano lasciate andare totalmente, mostrando assoluta disponibilità fino a farsi scopare senza alcun ritegno davanti al proprio partner che ammirava estasiato.

Diedi retta a quel suggerimento non avendo null’altro di meglio da proporre a Laura la quale, come pronosticato, si autocensurò per evitare un litigio, accettando la cosa supponendo che non ci fosse, in fondo, nulla di male.

Venne l’ora stabilita e Marco si dimostrò puntuale ed ineccepibilmente professionale. Laura fu sorpresa dell’avvenenza del ‘massaggiatore’ e si dimostrò subito più che malleabile e disponibile.
Dopo il disbrigo di veloci convenevoli di rito, Marco chiese di iniziare subito la seduta invitando Laura a spogliarsi, restando solo con le mutandine ed il reggiseno e di stendersi supina sopra al letto.
Il ragazzo si tolse la giacca e si alzò le maniche della camicia prima di estrarre da un piccolo zaino, un contenitore al cui interno stava una crema profumata al patchouli con la quale si cosparse le mani sfregandole tra loro per ungerle totalmente.
Io, salutai la compagnia raggiungendo al cucina per lasciare a Marco il tempo di rendere l’atmosfera ideale ma, curioso, sbirciavo di quando in quando.
Potevo vedere le mani di quel giovane uomo percorrere la schiena di Laura e ben sapevo quale potesse essere la sensazione di mia moglie che in ogni parte del corpo aveva un proprio puntoG.
Se ne rese ben conto anche Marco quando Laura iniziò a lanciare dei sospiri mozzati e dei gemiti che svelavano il suo desiderio e fu allora che il massaggiatore, slacciò il reggiseno e le abbassò le mutandine lasciandola praticamente nuda.
Mi avvicinai sedendomi sul bordo del letto per far capire a Laura che c’ero e condividevo quel momento con lei che, vedendomi, chiuse gli occhi come per lasciarsi andare.
Le mani di Marco erano entrate nel solco del culo in un inequivocabile avanti e indietro che aumentava i gemiti di mia moglie che immaginavo totalmente bagnata e con la fica pronta a ricevere ogni cosa.

Marco, si sbottonò i pantaloni esibendo subito un super cazzo che avrebbe fatto impazzire qualunque donna e prendendo una mano di Laura, se lo fece accarezzare mentre si avvicinava alla sua bocca.
In un attimo quei 25 centimetri di carne calda e pulsante finirono dentro la bocca di Laura mentre io avevo iniziato a tirarmi una sega con studiata calma.

Diligentemente Marco evitò di venirle in bocca preferendo, scopare mia moglie in modo stupendamente selvaggio cambiando posizione, intensità di penetrazione, velocità e quanto di contorno per godere meglio quel momento.

Poi, il massaggio erotico esplose in non una e non due ma tre orgasmi che Marco distribuì nel corso dell’amplesso, una volta dentro la fica di Laura, un’altra volta dentro il suo culetto sodo e l’ultima dentro la gola di mia moglie che, a sua volta, era stata preda di molti orgasmi durante quei momenti così particolari.
E io? Bèh, per quanto mi riguarda se è pur vero che mi sono fatto una memorabile sega è pur vero che ho partecipato a quella ‘batteria’ improvvisata coadiuvando Marco nelle varie penetrazioni che ci andavamo ad alternare come buoni complici.

Ti è piaciuto questo racconto con massaggio erotico? Votalo 5 stelle!